Laurea Magistrale

Corsi di Laurea - Esami in sede !

Ingegneria Elettronica

Area: Ingegneristica    

Corso di Laurea: Ingegneria Elettronica

Durata del Corso: Due anni

 

Requisiti di ammissione

Le modalità di ammissione e di verifica dell’adeguatezza della personale preparazione e dei requisiti curricolari che devono essere posseduti per l’ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria elettronica, sono stabilite dall’Ateneo, con modalità definite nel Regolamento didattico del corso.

Il Corso di Studi in breve

Il Corso di Studi magistrale in Elettronica realizza un percorso formativo orientato a fornire conoscenze per formare una figura professionale con competenze che spaziano dalle tecnologie alla progettazione, dai sistemi di elaborazione dati alla bioingegneria elettronica. Il Corso di studi fornisce una solida formazione nei diversi settori di interesse specifico dell’elettronica, integrati da approfondimenti nell’ambito delle misure, dei campi elettromagnetici, e dell’elaborazione digitale dell’informazione. Il CdS, quindi, permette di costruire percorsi rivolti ad approfondimenti di aree specialistiche dell’elettronica (dispositivi, circuiti e sistemi digitali, analogici e a radiofrequenza), o percorsi interdisciplinari che includono significativi contenuti di altre aree delle tecnologie dell’informazione, in particolare dell’informatica (sistemi embedded), dei sistemi di bioingegneria elettronica e informatica. Lo scopo del CdS magistrale è di mettere in grado operare nella ricerca, nella progettazione e nello sviluppo di prodotti , dove occorre non solo usare componenti e metodologie avanzati, ma svilupparne di nuovi, per realizzare applicazioni innovative o con rapporto costo/prestazioni ottimale. I risultati di apprendimento attesi riguardano:

  • gli aspetti teorici, scientifici e metodologici dell’ingegneria, con specifico riferimento al settore dell’ingegneria elettronica ed in modo approfondito relativamente a quelli dell’ingegneria informatica, nella quale è capace di identificare, formulare e risolvere anche in modo innovativo problemi complessi o che richiedono un approccio interdisciplinare;
  • le azioni di pianificazione, progettazione, e gestione di sistemi, processi e servizi complessi e/o innovativi nell’ambito dell’ingegneria bioingegneria caratterizzati anche dalla presenza di sistemi elettronici avanzati;
  • le azioni di gestione di esperimenti di elevata complessità nell’ambito generale dell’ingegneria elettronica e di telecomunicazioni.

Nell’ambito di alcune delle discipline professionalizzanti viene dato ampio spazio ai laboratori allo scopo di far acquisire al futuro ingegnere le capacità necessarie per poter interpretare le specifiche esigenze del committente e tradurre tali esigente in un progetto alle diverse scale (dal livello micro al livello territoriale).

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Funzione in un contesto di lavoro: La Laurea Magistrale in Ingegneria elettronica permette l’acquisizione delle seguenti competenze che consentiranno al laureato di proporsi come validi professionisti in ambito sia privato che pubblico:

  • progettare sistemi embedded a partire dalla definizione delle specifiche fino alla fase realizzativa dei prototipi;
  • collaudare e verificare la sicurezza e l’affidabilità dei componenti e sistemi sviluppati
  • identificare e risolvere problemi di pianificazione, progettazione, ingegnerizzazione, produzione e monitoraggio delle prestazioni di componenti, dispositivi, apparati, sistemi e servizi in campo elettronico

Competenze associate alla funzione: Il corso di laurea specialistica in Ingegneria elettronica per l’industria e l’innovazione è finalizzato alla preparazione di ingegneri di alta qualificazione che rispondono all’esigenza di mercato nei settori della progettazione, della produzione e della ricerca, in ambito sia nazionale che internazionale

Sbocchi professionali: I profili professionali previsti in questo corso di laurea riguardano la progettazione e la produzione di dispositivi e sistemi elettronici. I laureati di questo corso magistrale:

  • acquisiranno conoscenza dello stato dell’arte dell’ingegneria elettronica;
  • conosceranno le tecnologie e i processi su cui si basa l’ingegneria elettronica;
  • acquisiranno conoscenze teoriche e scientifiche di avanguardia;
  • svilupperanno una capacità progettuale;
  • saranno in grado di progettare e gestire esperimenti complessi;
  • avranno capacità di gestione di progetti.

In sintesi il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (classe LM-29) prepara  professione di:

  1. Ingegneri elettronici – (2.2.1.4.1)
  2. Ingegneri progettisti di calcolatori e loro periferiche – (2.2.1.4.2)
  3. Ingegneri in telecomunicazioni – (2.2.1.4.3)

Obiettivi formativi specifici del Corso

Obiettivo del corso di laurea magistrale in Ingegneria elettronica per l’industria e l’innovazione è la formazione di una figura professionale capace di progettare, sviluppare, programmare e gestire tecnologie, componenti e sistemi elettronici nel vasto campo di applicazioni della moderna Ingegneria Elettronica. La figura professionale è quella di un laureato di alto livello che guarda al futuro ma anche alle necessità correnti dell’Industria Elettronica, esperto dei singoli componenti, da cui dipende in modo critico la spinta innovativa, ma con una solida competenza anche a livello di sistema, da cui dipende la capacità di traduzione in applicazioni dei sistemi elettronici analogici e digitali quali parti indivisibili di una catena di regolazione, ottimizzazione e supporto ai processi industriali. Il corso di laurea si propone quindi di formare un ingegnere capace di:

  • progettare sistemi embedded a partire dalla definizione delle specifiche fino alla fase realizzativa dei prototipi;
  • collaudare e verificare la sicurezza e l’affidabilità dei componenti e sistemi sviluppati identificare e risolvere problemi di pianificazione, progettazione, ingegnerizzazione, produzione e monitoraggio delle prestazioni di componenti, dispositivi, apparati, sistemi e servizi in campo elettronico

elettronico L’ingegnere elettronico per l’industria e l’innovazione è dunque preparato ad affrontare gli aspetti scientifici specifici dell’ingegneria moderna che, sempre più interdisciplinari, richiedono la conoscenza di dispositivi, sistemi e metodi basati su una tecnologia e una comprensione scientifica d’avanguardia oltre la padronanza delle relative metodologie di analisi e realizzazione.

Risultati di apprendimento attesi

Conoscenza e comprensione I laureati magistrali avranno:

  1. conoscenze e capacità di comprensione che consolidano ed estendono quelle già acquisite con la Laurea di primo livello;
  2. competenze avanzate ad ampio spettro nell’area dell’Ingegneria elettronica con particolare riguardo al settore della microelettronica, dell’elettronica industriale, alle ricadute nei settori dei componenti e sistemi integrati, dei microsistemi, dei nanomateriali, nonché in alcuni temi d’avanguardia di almeno una delle aree succitate;
  3. utilizzare le tecnologie elettroniche per la conservazione del patrimonio artistico e per i beni culturali;
  4. conoscenze di contesto in altri settori dell’Ingegneria elettronica quali l’informatica, le scienze fisiche, la scienza dei materiali e l’economia.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione I laureati magistrali saranno in grado di applicare le conoscenze acquisite alla risoluzione di problemi complessi nei vari contesti dell’Ingegneria elettronica. Essi saranno verificati attraverso gli esami di profitto e l’esame finale di laurea.

Autonomia di giudizio – Abilità comunicative – Capacità di apprendimento

Autonomia di giudizio Nell’ambito delle proprie competenze i laureati saranno in grado di assumere decisioni autonome in progetti anche di grandi dimensioni e di partecipare attivamente alle responsabilità di decisione in contesti multidisciplinari. Tale obiettivo sarà perseguito tramite i corsi di insegnamento ad orientamento progettuale e la tesi di laurea magistrale e sarà verificato con gli esami di profitto e l’esame di laurea magistrale.

Abilità comunicative Nell’ambito delle proprie competenze i laureati saranno in grado di assumere decisioni autonome in progetti anche di grandi dimensioni e di partecipare attivamente alle responsabilità di decisione in contesti multidisciplinari. Tale obiettivo sarà perseguito tramite i corsi di insegnamento ad orientamento progettuale e la tesi di laurea magistrale e sarà verificato con gli esami di profitto e l’esame di laurea magistrale.

Capacità di apprendimento I laureati saranno in grado di aggiornarsi professionalmente in maniera autonoma, mentre gli studenti migliori e più motivati potranno procedere anche nel campo della ricerca scientifica. Tale obiettivo sarà perseguito attraverso l’introduzione di componenti seminariali, di ricerca bibliografica e di elementi di ricerca scientifica all’interno di specifici corsi di insegnamento e attraverso la tesi di laurea magistrale. Sarà verificato attraverso i relativi esami di profitto e l’esame di laurea magistrale