Laurea Triennale

Corsi di Laurea - Esami in sede !

Ingegneria Civile

Area: Ingegneristica 

Corso di Laurea: Ingegneria Civile    

Durata del Corso: Tre anni

 

Requisiti di ammissione

L’accesso al Corso di Laurea avverrà in funzione del possesso del diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all’estero e riconosciuto idoneo. E’ richiesta inoltre la conoscenza degli argomenti di matematica, fisica, chimica e biologia normalmente sviluppati nelle scuole medie superiori. Le modalità di verifica saranno definite nel regolamento didattico del corso di studio, che fisserà inoltre gli obblighi formativi aggiuntivi nel caso in cui la verifica non abbia avuto esito positivo.

Il Corso di Studi in breve

Il Corso di Studi realizza un percorso formativo orientato a fornire una preparazione metodologica, che utilizzi tutte le conoscenze di base, matematiche, fisiche, chimiche, informatiche, e le conoscenze delle materie specifiche caratterizzanti dell’ingegneria Civile, in modo tale che i laureati siano in grado di affrontare e risolvere in modo soddisfacente problematiche semplici nel campo dell’Ingegneria Civile. I risultati di apprendimento attesi, quindi, riguardano principalmente:

  1. conoscenze di base incentrate sulle discipline della matematica, della geometria, della fisica generale e della meccanica razionale;
  2. discipline caratterizzanti dell’ingegneria edile attinenti all’architettura tecnica, alla scienza e tecnica delle costruzioni, e alla qualità dell’ambiente costruito, all’impatto ambientale, ai servizi tecnologici, dando un congruo rilievo agli aspetti delle costruzioni idrauliche e la pianificazione urbana. Lo scopo di tali discipline è quello di far acquisire all’ingegnere edile le conoscenze indispensabili per poter poi sviluppare le specifiche capacità nella progettazione;
  3. conoscenze linguistiche ed informatiche finalizzate a migliorare le capacità di inserimento dell’ingegnere civile nel mondo del lavoro anche in altri paesi europei.

Nell’ambito di alcune delle discipline professionalizzanti viene dato ampio spazio ai laboratori allo scopo di far acquisire al futuro ingegnere le capacità necessarie per poter interpretare le specifiche esigenze del committente e tradurre tali esigente in un progetto alle diverse scale (dal livello micro al livello territoriale).

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Funzione in un contesto di lavoro: Il laureato acquisirà competenze, in una prima fase, su materie di base che includono l’analisi matematica, la fisica, la geometria e la chimica che permetteranno l’acquisizione di competenze maggiormente tecniche che consentiranno al laureato di proporsi come validi professionisti in ambito sia privato che pubblico

Competenze associate alla funzione: Gli sbocchi occupazionali prevedibili sono:

  • enti preposti alla amministrazione urbana e del territorio (Regioni, Province, Comuni);
  • enti preposti alla riduzione ed al controllo dei rischi connessi alle opere civili;
  • società di assicurazione e banche;

Sbocchi professionali: Gli sbocchi occupazionali prevedibili sono:

  • aziende, enti, consorzi ed agenzie preposti alla ideazione, realizzazione e gestione di opere strutturali ed infrastrutturali ovvero reti infrastrutturali;
  • imprese di costruzione e manutenzione;
  • società di ingegneria e studi professionali.

In sintesi il Corso di Laurea in Ingegneria Civile (classe L-7 ) prepara professione di :

  1. Tecnici delle costruzioni civili e professioni assimilate – (3.1.3.5.0)

Obiettivi formativi specifici del Corso

L’obiettivo fondamentale del corso è quello di formare un ingegnere di primo livello con conoscenze di base nella ingegneria civile e ambientale. In particolare, le conoscenze di base dovranno comprendere:

  • gli aspetti metodologici e logico-deduttivi della matematica e della fisica;
  • la struttura, le caratteristiche, le proprietà e le trasformazioni della materia descritti dalla chimica;
  • gli aspetti metodologici e applicativi della meccanica, con particolare riferimento alla modellazione del comportamento meccanico dei materiali, delle strutture, dei fluidi e delle loro interazioni;
  • la progettazione e l’inserimento nell’ambiente delle opere infrastrutturali, puntuali, a rete ed architettoniche;
  • i vincoli e le condizioni funzionali, normative e ambientali posti dalle esigenze di sicurezza, tutela e compatibilità ambientale e territoriale.

Il percorso formativo è coerente con gli obiettivi su indicati e comprende unità didattiche e altre attività formative per un totale di 180 CFU.

Risultati di apprendimento attesi

Conoscenza e comprensione Il laureato in ingegneria civile e ambientale deve acquisire una preparazione che deriva da una fase iniziale di formazione su materie di base che includono l’analisi matematica, la fisica, la geometria, la chimica e il disegno. La relativa conoscenza e padronanza permettono al laureato di:

  • comprendere gli aspetti concettuali e utilizzare i metodi appresi in ambiti diversi, in particolare nello studio delle discipline affini e caratterizzanti;
  • avere la capacità di riconoscere e formalizzare problemi e risolverli sulla base dei metodi appresi;
  • essere in grado di leggere e comprendere testi matematici, scientifici e tecnici di natura diversa;
  • avere la capacità di descrivere, formalizzare e implementare, attraverso adeguati linguaggi di programmazione, algoritmi per la soluzione di problemi elementari.

Ciò consente al laureato di comprendere e modellare il comportamento meccanico dei materiali e delle opere e di interpretare le relazioni fra le diverse componenti di progetti multidisciplinari nel campo dell’ingegneria civile, del territorio e dell’ambiente. La formazione metodologica e le conoscenze necessarie per consentire allo studente l’acquisizione delle capacità sopra indicate sono trasmesse in modo coordinato e progressivo nell’ambito di tutti gli insegnamenti e le attività didattiche facenti parte del corso di studio. La verifica del conseguimento degli obiettivi formativi da parte di ciascun allievo è condotta in modo organico nel quadro di tutte le verifiche di profitto previste nel corso di studio.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione Lo studente sarà in grado di:

  • applicare le proprie conoscenze e capacità di comprendere per identificare, formulare e risolvere problemi dell’ingegneria utilizzando metodi tradizionalmente adottati;
  • applicare le proprie conoscenze e capacità di comprendere per analizzare prodotti, processi e metodi dell’ingegneria.

Tali capacità saranno sviluppate mediante esercitazioni e lavori di gruppo; la verifica avverrà esami scritti e/o orali.

Autonomia di giudizio- Abilità comunicative- Capacità di apprendimento

Autonomia di giudizio Lo studente dovrà acquisire la capacità di:

  • svolgere ricerche bibliografiche, di utilizzare database e altre fonti di informazione nonché quella di progettare e effettuare esperimenti appropriati, interpretare i dati e trarre conclusioni;
  • operare in laboratorio, saper scegliere e utilizzare attrezzature, strumenti e metodi appropriati;
  • saper combinare teoria e pratica per risolvere problemi di ingegneria;
  • comprendere tecniche e metodi applicabili e dei loro limiti ed essere consapevoli delle implicazioni non squisitamente tecniche della pratica ingegneristica.

Metodologie e conoscenze necessarie per l’acquisizione delle capacità sopra indicate sono previste in modo organico nell’ambito di tutti gli insegnamenti e le attività didattiche facenti parte del corso di studio. La verifica del conseguimento degli obiettivi formativi da parte di ciascun allievo è condotta in modo congiunto nel quadro di tutte le verifiche di profitto previste nel corso di studio.

Abilità comunicative Il discente dovrà essere in grado operare individualmente e/o come componente di un gruppo e dovrà acquisire la capacità di comunicare in modo efficace con la comunità ingegneristica e in generale con la società, sia in contesti nazionali, sia in ambito internazionale. I laureati, quindi, devono conseguire le seguenti abilità comunicative:

  • saper comunicare nei contesti culturale ed economico-sociale della società contemporanea;
  • avere capacità relazionali e decisionali;
  • essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre l’italiano.

Tali capacità maturano nell’ambito delle attività formative previste, nei momenti di discussione e confronto nei lavori di gruppo e nelle varie occasioni di incontro con i rappresentanti del mondo del lavoro (convegni,testimonianze,visite guidate ecc).

Capacità di apprendimento La capacità di apprendimento è strettamente connessa con il metodo deduttivo delle scienze applicate che fornisce gli strumenti per analizzare e saper interpretare problemi diversi da quelli oggetto di studio specifico. La combinazione degli insegnamenti e delle attività formative, prevedendo componenti di esercitazione, di ricerca bibliografica e di progetto elementare, fa sì che lo studente sia in grado di leggere e comprendere un testo scientifico di livello universitario, di utilizzare manuali di riferimento relativamente a problemi specifici e di consultare manuali per l’uso di software di tipologie e applicazioni diverse.

L’acquisizione di queste competenze nell’uso di metodi e strumenti consente al laureato in Ingegneria Civile e Ambientale di procedere al proprio aggiornamento professionale e culturale. La capacità di apprendimento del laureando è verificata attraverso le prove di esame specifiche per i corsi che continuano ad essere lo strumento essenziale per la misura di tale capacità.